Come si accetta un pagamento online con carta di credito? Paypal e Stripe a confronto

Redazione

Redazione

01 aprile 2019 • 5 minuti di lettura

Come acquisire un pagamento in un eCommerce? È uno degli interrogativi più frequenti quando si decide di aprire un negozio in rete, ma in realtà si tratta di un’operazione estremamente facile e semplice.

Per chiarire dubbi e perplessità ecco una piccola guida che ti aiuterà a comprendere come procedere e quali sono le differenze tra i principali gestori di pagamento online: Paypal e Stripe.

Tutti i dettagli in questo podcast realizzato da Emilio Lodigiani (Founder e CEO di Tunca) su “Strategia eCommerce”:

https://www.youtube.com/watch?v=omM_cY2Usfw

Pagamenti in negozio fisico vs negozio online: cosa cambia?

Quando parliamo di pagamenti, quello che succede in un negozio online non è poi così diverso da quello che accade in uno store fisico. In entrambi i casi l’operazione è pratica e veloce.

Il venditore deve fare riferimento a un gestore di pagamenti:

Negozio fisico: la banca dà uno strumento grazie a cui i soldi passano dalla carta di credito o dal bancomat del cliente al conto dell’esercente.

Negozio online: il gestore dei pagamenti presso cui il venditore ha un conto – come Paypal – dà uno strumento da collegare alla piattaforma eCommerce dove la persona inserisce i dati relativi alla sua carta; i soldi quindi passano dalla carta al gestore e dal gestore al conto corrente.

Il servizio più usato: Paypal

È la soluzione semplice e sicura per pagare e farsi pagare.

Infatti:

  • è la più conosciuta
  • gli utenti si fidano
  • è semplice
  • richiede solo l’inserimento di una password preimpostata

Come funziona?

  • Fa aprire un conto corrente nel quale lasciare il denaro; il venditore dovrà fare un bonifico al suo conto per poter passare il denaro sul suo conto corrente bancario italiano
  • Chiede una commissione dal 3,4% più 0,35 centesimi di euro a transazione
  • Esiste una tariffa mensile per commercianti che permette a 29 euro di scendere al 2,5% fino all’1,7% (se vende più di 10mila euro al mese)

Punti di forza

Malgrado sia il servizio più costoso, fornisce maggiori servizi:

- protegge i venditori in caso di frode, quando si spedisce merce a un cliente che risulta aver usato una carta di credito rubata

- prevede una sorta di assicurazione che permette di non perdere i soldi

Pagare con Stripe

Tra i metodi più classici e più usati figura Stripe:

  • Permette di aprire un account molto velocemente, riceve il denaro e versa il bonifico una volta a settimana (si può chiedere anche giornaliero)
  • Ha una commissione più bassa perché costa l’1.4% + 0,25 centesimi di euro a transazione ma non protegge in caso di chargeback: se la carta è rubata si chiedono indietro i soldi e la spedizione è persa
  • È un sistema pratico e comodo
  • Stripe non si mostra, elabora in sicurezza per conto del venditore

Altri metodi di pagamento

Tra i tanti altri metodi di pagamento è possibile scegliere Gestpay di Banca Sella_

  • Richiede numero di carta più un dato personale
  • Il dato in più richiesto può essere: collegamento con app della banca, sms con codice o ulteriore passaggio che protegge il venditore
  • Il costo è 3% + 0,35 centesimi di euro a transazione (ha anche un costo di attivazione)

Cosa succede con Shopify?

  • Se controlliamo i gestori di pagamento disponibili per Shopify ce ne sono 30 abilitati per l’Italia.
  • Ci sono diverse possibili opzioni che mettono il venditore nelle condizioni di scegliere in base alle proprie esigenze.

Se vuoi conoscere tutti i gestori di pagamento consulta tutti i dettagli qui:

https://it.shopify.com/canali-di-pagamento/italia

Consigli

Per i nuovi negozi online il consiglio di Tunca è quello di inserire sempre Paypal perché è un driver di fidelizzazione, crea fiducia e in seguito, quando il cliente si sarà fidato, si potrà introdurre un altro sistema come Stripe, che consente di risparmiare sulle transazioni e di fidelizzare il cliente.

In conclusione

Accettare pagamenti on line con carta è una cosa semplice, perché:

- il setup dell’account si fa dal proprio pc in un’ora

- i sistemi eCommerce si collegano in automatico con i gestori di pagamento

- la gente è ormai abituata a pagare con la carta, per cui utilizzerà senza problemi questo metodo anche se fa acquisti in rete.

Buona vendita online!

Altri consigli?

Se hai bisogno di informazioni aggiuntive o vorresti ricevere un supporto nella scelta dei metodi di pagamento per il tuo eCommerce saremo felici di darti una mano!

Redazione

Redazione
blog team @ Tunca


Categorie

Questo articolo è pubblicato in queste categorie:

Tags

eCommerce pagamenti shopify italia paypal stripe accettare pagamenti shopping on line